Light for New Life Foundation

Light for New Life Foundation è un’organizzazione non-profit,
che opera in situazioni di estrema povertà che affliggono
la popolazione della Tanzania, ed in particolare
le persone più vulnerabili (orfani, bambini, ragazzi, donne e la popolazione
che vive nelle aree rurali più povere). (…continua la lettura)

Progetto aula computer


Ormai tutto è pronto: la connessione elettrica, i banchi e le sedie… aspettiamo soltanto i tre volontari italiani: Pietro, Luciano e Piero, di “Infromatici Senza Frontiere”, che verranno a Bumbuli la prossima settimana per completare la realizzazione dell’aula computer e per realizzare un corso base di informatica per 10 ragazzi del villaggio. Alla fine del corso, lo studente migliore si aggiudicherà la possibilità di continuare a cooperare con Light for New Life Foundation, dando lezioni gratuite di informatica agli altri ragazzi del villaggio. Siamo davvero felici per questa opportunità, ma soprattutto per il grado di partecipazione della comunità al progetto fino a questo momento. In particolare, vogliamo ringraziare “Bumbuli Developmente Corporation” per averci supportato: è il primo passo concreto per la realizzazione di un percorso di cooperazione e di collaborazione all’interno della stessa comunità da parte di due associazioni che vogliono costruire insieme!
E questo è il blog preparato da Informatici Senza Frontiere per raccontare giorno dopo giorno la loro esperienza a Bumbuli: http://isfbumbuliproject.blogspot.it/

Incontro con i leaders del villaggio e i rappresentanti di vari gruppi di interesse del villaggio di Bumbuli

Lo scorso 16 gennaio il Presidente di Light for New Life Foundation ha incontrato i Leaders del Villaggio di Bumbuli e vari rappresentanti di diversi gruppi di interesse del villaggio stesso. Lo scopo del meeting è stato quello di individuare, tramite la voce diretta dei principali stakeholders, i problemi più importanti che affliggono il villaggio. Questo è un passo fondamentale e necessario per comprende quali devono essere le azioni necessarie per creare una rete di cooperazione con la comunità locale.
TAd ognuno dei presenti vengono distribuiti dei foglietti di carta, su cui elencare 3 o 4 problemi principali, che sono stati prioritizzati, considerando la frequenza con cui vengono elencati dagli stessi. In totale i 42 presenti hanno espresso 154 votes. Il grafico seguente rappresenta i risultati del meeting.

La priorità più alta è stata datata all’eccessiva lontananza delle scuole secondarie da entrambi I villaggi. Entrambi i villaggi, infatti, attualmente dipendono da una scuola secondaria che si trova a circa 2 km di distanza, in cima a una collina. Gli studenti tutte le mattine devono percorrere 2 km su una strada dissestata e molto ripida, circondata dalla foresta. Tra tutti i partecipanti, 39 hanno individuate questa problematica. In caso di scelta di costruire ex novo una scuola superiore all’interno del villaggio, il terreno per la costruzione sarebbe messo a disposizione dai leaders del villaggio
Il problema idrico è stato individuato come la seconda principale problematica, in ordine di importanza, fatta emergere da 30 persone. Il villaggio non dispone di fonti sicure di acqua potabile. Il villaggio dispone di fontane pubbliche, di cui, quella più a monte non è funzionante e quella più a valle, che è funzionante, anche se in maniera non costante. Ogni giorno un gran numero di donne devono camminare per 1 km o più per prendere l’acqua dalle fonti disponibili (la fontana a valle oppure direttamente a valle). In ogni caso, l’acqua così reperita non è potabile al 100% e deve, in ogni caso essere sterilizzata per poterlo diventare. Esiste un piano idrico messo in cantiere da molto tempo dal Governo, ma mai realizzato.
Il sosttodimensionamento del dispensario attualmente esistente e funzionate è stata individuata come terza principale problematica da 25 dei presenti. Esiste, ad oggi, un dispensario funzionante, ma dimensionalmente inadeguato per soddisfare appieno le esigenze dell’intera popolazione del villaggio. In particolare, è stato sottolineato il sottodimensionamento dello stabile e della sua conseguente capacità di offrire servizi.
21 dei presenti hanno sottolineato come alcune aule delle due scuole elementari (con particolare riferimento a “Kivumo primary school”) non risultano essere in buono stato: hanno bisogno di essere riparate, affinchè possano accogliere gli studenti in maniera dignitosa.
Tutte le scuole soffrono della carenza di sussidi didattici e cancelleria, secondo l’opinione di 20 dei partecipanti al meeting.
I servizi igienici costituiscono un altro problema nelle scuole primarie, secondo quanto evidenziato da 19 partecipanti. In particolare, il numero dei servizi igienici non è proporzionale al numero di alunni e i servizi igienici presenti non sono adeguati rispetto alle principali norme igeinico sanitarie.
Questo, che costituisce un obiettivo difficilissimo da raggiungere, per noi è un necessario punto di partenza. Ci auguriamo che il maggior numero di persone scelgano di supportarci in qualche modo! Quello di cui abbiamo bisogno è tutto il vostro supporto!
Light for New Life Foundation.

La scuola materna di Bumbuli sta per iniziare!!!

In Tanzania il nuovo anno scolastico inizia a gennaio. In questo mese il villaggio di Bumbuli avrà una nuova scuola: la “Kin’gen’gezi pre-primary school”, che ospiterà 40 bambini, di cui la maggior parte orfani a causa dell’HIV, o bambini che vivono in conidzioni economiche e sociali di grave disagio. Siamo orgogliosi di questo primo piccolo passo, ma gli sforzi da compiere sono ancora moltissimi. A Bumbuli, così come nella maggior parte dei villaggi rurali della Tanzania c’è ancora un elevatissimo numero di bambini orfani e che vivono in condizioni particolarmente disagiate. Crediamo che la scolarizzazione gratuita sia l’unico strumento davvero in grado di liberare queste generazioni dalla povertà e di donare loro speranza e futuro. Nonostante gli innegabili tentativi fatti dal Governo tanzaniano negli ultimi anni per incrementare il tasso di frequenza scolastica, sono ancora moltissime le famiglie che non possono permettersi di mandare i propri figli a scuola. “Kin’gen’gezi” è una parola Sambaa, lingua tribale di Bumbuli, che significa lucciola: proprio perchè dare la possibilità di andare a scuola a questi bambini, significa dare loro una piccola luce di speranza! In questa occasione, vorremmo anche ringraziare tutte le persone che ci sono vicine e che ci aiutano concretamente con il loro lavoro, il loro prestare servizio gratuito e il loro supporto. Grazie a Frank e a Romman, che instancabilmente lavorano per questo. Grazie a Daniel e Cecile, che hanno creduto in noi sin dal primo momento. Un grazie speciale va ad Elena, la cui presenza a Bumbuli ha contribuito a realizzare tutto questo! Asante sana da tutti noi!

Un regalo di Natale per Bumbuli

Cari amici, anche quest’anno Natale è arrivato e per celebrarlo Light for New Life Foudation ha pubblicato un cd di musica gospel, in collaborazione con un gruppo tanzaniano, chiamato Canaan Singers Group. Il cd è disponibile su iTunes al seguente link:
http://itunes.apple.com/us/album/silent-night/id491656273?l=it&ls=1
Tutti i fondi raccolti con le vendite saranno utilizzati per la scuola di Bumbuli. Fate il download del cd, regalatelo ai vostri amici e parenti, dite ai vostri amici di scaricare il cd… più siamo più riusciamo a dare un contributo per i bambini di Bumbuli. E’ un piccolo gesto che può dare loro speranza e futuro!
Ci auguriamo che siate in tanti!
Buon Natale a tutti voi!

Ricordando Agosto scorso…

Lo scorso Agosto i volontari italiani di Trenarcobaleno sono venuti a trovarci a Bumbuli per trascorrere due settimane con i bambini della scuola elementare Kivumo … Abbiamo parlato di infanzia attraverso i giochi: giochi di gruppo, giocoleria, spettacoli teatrali, ballo, canto, pittura … e ci siamo divertiti insieme … bambini e adulti, tanzaniani e gli italiani … per due settimane insieme!

Qui c’è il link al video della finale spettacolo: Peter Pan recitato dai bambini della scuola primaria Kivumo!

Asante sana Trenarcobaleno!!! Karibu tena!!!

Il primo evento pubblico di Light for New Life: “Change-up”


Lo scorso fine settimana (18-20 Novembre 2011) Light for a New Life Foundation ha partecipato ad una fiera di moda ecosostenibile a Milano (Change-up). Ci è stato messo a dipsosizione uno stand dove abbiamo potuto farci conoscere, parlare di noi ed esporre le borse prodotte dal grupo di sarti a Bumbuli. Vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno partecipato e che sono venuti ad ascoltarci e ad incontrarci: ogni vostro contributo per noi è davvero grande! Speriamo di potervi incontrare ancora e ancora e ancora in Italia e in Tanzania! Asante sana a tutti!!!

Le borse dei sarti di Bumbuli a Milano

CS_change_up_winter_Moda

Il prossimo fine settimana, a partire da Venerdì 18 Novembre fino a Domenica 20 Novembre ci sarà una fiera di moda eco-sostenibile a Milano. La fiera, denominata “Change-up” è giunta alla sua seconda edizione: verranno esposti una serie di prodotti artigianali di moda sostenibile, tra cui le borse realizzate dai sarti di Bumbuli. Siete tutti invitati a venirci a trovare e a comprare le borse di Bumbuli!!!

In allegato trovate la presentazione dell’evento. Il sito ufficiale è: http://www.changeup.it
L’esposizione sarà al Superstudio Più, in via Tortona 27 Milano, nei seguenti orari:
18 Novembre: 13.00 – 19.00
19 Novembre: 10.00 – 19.00
20 Novembre: 10.00 – 19.00

Vi aspettiamo numerosi… ci trovate allo stand numero 8!!!
Light for a New Life Foundation

Previous Older Entries